Pagine

venerdì, maggio 26, 2006

OBESITA'


Marisol N° di riferimento: 952800544 Età: 27 Salve, sono una ragazza di 27 anni e da quando avevo 7 o 8 anni soffro di una forma di obesità che tento di curare da sempre senza risultato. Negli ultimi mesi soffro di insonnia e se riesco a dormire riposo molto male.Pertanto sono sempre molto stanca ed a lavoro faccio molta fatica. Soffro sin dall'infanzia di cefalea e di una lieve forma di carenza immunitaria. Lotto in una famiglia divisa fra un padre assente e spesso violento ed una madre che adoro e che non vorrei mai lasciare ed un fratello a cui voglio molto bene e che fin da piccolo è stato come un padre. E lotto fra l'apparenza di un focolare domestico normale e la vera natura fragile di esso, con litigi interni spesso vergognosi. Ho pensato al suicidio molte volte, soprattutto nelle ultime 2 settimane ma non ho mai avuto il coraggio, per non deludere mia madre e mio fratello e soprattutto per non abbandonarli. Per riuscire a colmare il vuoto che sento mi sono sempre rifugiata nel cibo ma mi sono resa conto che questo mio comportamento non era una semplice negligenza di bambina. Con il passare degli anni ho scoperto che mangiare mi aiutava nei momenti difficili, che leniva il mio desiderio di autostima. Poichè mangiare, oggi,che sono una donna, non mi basta più e mi ha portato ad odiare me stessa ed il mio aspetto fisico, ho cercato un modo diverso di trovare un poco di quiete. Da qualche mese mi provoco dei tagli sulle braccia e sulle gambe. Così facendo sento nei momenti di estrema agitazione e tensione il cuore rallentare e riesco a tornare un poco lucida. Ad essere sincera vorrei parlare con mia madre di questo problema ma ho molta vergogna, quando sto per farlo ho solo voglia di piangere e penso al dolore che causerebbe a lei che mi vuole bene e che tradirei ed abbandonerei, sola in una brutta situazione. Non ho un ragazzo e la mia vita sociale è divenuta pressochè nulla, stare in mezzo alla gente mi crea spesso disagio, solo quando sono con una persona che conosco riesco a resistere qualche ora. Questo è ciò che sento ma poichè sono molto brava a non far notare all'esterno quello che provo, da sempre sono vista come una persona dal carattere forte e solare, soprattutto dai miei familiari. In realtà quello che ho creato è una maschera e questa grande solitudine che adesso provo sta sfociando in comportamenti al limite della normalità. In passato ho cercato di ribellarmi a questo stato e grazie all'aiuto di mia madre, sul piano del cibo,riuscivo a controllarmi. Adesso che sono autonoma, anche dal punto di vista economico, mi sembra di avere la senzazione che l'autocontrollo mi scivoli via dalle mani. Da sola non riesco a continuare in modo normale e temo che rivolgermi ad una persona competente possa scatenare e una tempesta all'interno della mia famiglia, che ormai ha come collante una debole apparenza di normalità. Che cosa mi consiglia di fare?Attendo fiduciosa una sua consulenza. Mari79
salve marisol, la sua è una situazione familiare "standard" nei casi di obesità, nel senso che spesso si riscontra in tali famiglie una situazione caratterizzata da un padre assente e una relazione con la madre molto forte, quasi simbiotica.Ma a quanto leggo il suo disagio non riguarda solo il suo rapporto con il cibo,o con il corpo, ma anche il rapporto con suo padre, lei è diventata una speciedi crocerossina della casa, che si sforza di tenere tutti uniti e addirittura non rivela il problema a sua madre per paura di farla soffrire troppo...Le consiglierei di riflettere su questo: è possibile che sua madre possa soffrire di più nel momento in cui viene a sapere che il suo disagio esiste già da un pò di tempo e non gliel'ha detto e soprattutto non ha fatto niente per stare meglio????Le consiglio di gettare la maschera, di pensare a se stessa e di intraprendereun percorso terapeutico che possa aiutarla a risolvere i suoi antichi problemi.In bocca al lupo. Dott.ssa Roberta Santoro

1 commento:

Gary Freedman ha detto...

We survived the crash of Oceanic Flight 815. We desperately need help. We are somewhere in the South Pacific. Is anybody out there?