Pagine

giovedì, maggio 06, 2010

CREDO DI ESSERE DEPRESSO

Buongiorno, anzi tutto, come da oggetto, mi scuso per la presente mail.Non sono alla ricerca di una consulenza o cose simili, vorrei soltanto affidare ad un perfetto sconosciuto queste poche righe.Diciamo che il mio può essere inteso come una sorta di sfogo; per questo mi sento in dovere di scusarmi.
Credo di essere depresso.Le motivazioni sono svariate.La mia alquanto disastrosa vita sentimentale degli ultimi 5 anni (a quel tempo mi lasciò una ragazza a cui io tenevo molto, per causa mia sia ben chiaro), la mia successiva incapacità di amare di nuovo.Per quasi 4 anni ho convissuto con queste sensazioni in modo abbastanza positivo, cercando di pensarci il meno possibile dedicandomi a molte distrazioni (musica, sport, alcool) e direi che per quel lasso di tempo tutto andava bene.Circa 2 anni mi sono trasferito in un appartamento e mi sono trovato improvvisamente solo (prima vivevo con 5 amici per motivi universitari).Gli amici di sempre ho continuato a frequentarli per circa un anno ma successivamente ho smesso di uscire e di comunicare.Troppi giudizi, troppe domande, troppe ipotetiche e stupide soluzioni.Ho cominciato a pensare seriamente di togliermi la vita impiccandomi alle travi di legno del mio appartamento (abito in una mansarda).Circa 2 mesi fa ho conosciuto una ragazza che frequenta la mia stessa palestra.(lo sport è l'unica cosa che mi tiene lontano da droghe e alcool).L'ho vista e la prima cosa che ho pensato è stata "io ti amo".Una sensazione travolgente.Ho comunque esitato a lungo prima di rivolgerle anche solo un saluto.La mia personalità decisamente timida ed introversa non me lo consente così facilmente.Ci siamo visti un paio di volte a casa mia, senza che succedesse mai nulla di fisico.Mentalmente parlando, successe di tutto.Con lei, dati i suoi passati problemi di tossicodipendenza, mi sono sentito libero di poter parlare senza essere giudicato (come è sempre successo).Mi sentivo un po' più sollevato ma anche terribilmente triste, senza averne motivo in realtà.All'improvviso è sparita.Sfuggente per telefono, non si è più fatta nè vedere nè sentire tranne che per un pietoso (per il sottoscritto) messaggio in cui mi informava la sua volontà di non vedermi più in quanto, a parer suo, sarei una persona troppo negativa.Ci sono ricaduto.Giudizi.Sempre e solo giudizi.Ci sono ricaduto scrivendo queste righe.Giudizi.Sempre e solo giudizi.E' terribilmente vergognoso essere così.Il problema è che prima riuscivo a nasconderlo.Ora non più.Prima o poi esploderò.Vorrei tanto poter sorridere ancora ma vorrei, in egual misura, potermi addormentare per sempre.
Ok, credo aver annoiato abbastanza il lettore.Questo scritto non necessita di risposta.Sono solo parole regalate ad uno sconosciuto.Grazie per averle lette.Mi scuso nuovamente.M.

1 commento:

saphira.denise ha detto...

Ciao...Forse a te parrà strano ma la tua "lettera" mi ha incuriosito molto... forse da quel poco che scrivo ti sembro una persona superficiale, stupida, una delle solite che crede di saper aiutare la gente ed invece non ci riesce perchè non concepisce il modo di vivere degli altri.. beh, forse lo sono... ma ti prego... ti andrebbe che ci parlassimo? Grazie...ciao ^_^