Pagine

sabato, dicembre 19, 2009

MI SENTO UNA DIVERSA

ladyhawke
Età: 17
ho 17 anni e non vivo. Non ho avuto una vera adolescenza alle spalle, perché dai 12 anni in su non ho fatto altro che stare male:ho incontrato le persone sbagliate, dei bastardi che non si sono mai fatti problemi a umiliarmi e distruggermi solo perché ero brutta (e lo sono ancora, veramente.)
La gabbia in cui vivo me la sono costruita io, quando ho deciso di isolarmi dal mondo, di convincermi che stavo bene da sola, perché gli "altri" mi facevano troppo male.Abito in una zona di paesini piccoli, e i giovani della mia età qui si conoscono tutti..tranne me:io non conosco nessuno, non ho amici qui e le uniche amiche che ho sono a scuola (e sono loro l'unica cosa che mi fa andare avanti..)
Non ce la faccio più a vivere così, sempre piangere, sempre sconvolta da un senso di vuoto e di inutilità, sola, pallida e triste..la verità è che da 5 anni io penso al suicidio, ma l'unico motivo per cui mi trattengo è la paura della morte, non la speranza nella vita. Non ho speranze di nessun tipo, non riesco neanche a immaginarmi il mio futuro o un pò di felicità.

Se dovessi morire oggi, non importerebbe, perché tanto è come se non fossi vissuta mai, e nessuno verrebbe a piangere al mio funerale, perché dalle mie parti io praticamente non esisto.

Non so come si trovino degli amici: sono sempre stata timida e schietta e la vita mi ha fatto diventare senza autostima,insicura e pessimista; i professori e mia madre dicono che sono una ragazza intelligente e che ho tante cose da dire al mondo, ma mi sembra solo di non trovare mai qualcuno che voglia ascoltarmi: quelli della mia età sono troppo presi a correr dietro alle belle ragazze o a quelle facili, nessuno considera l\'idea di conoscermi, brutta, insignificante nel mio angolino buio dove fa solo freddo. Ho provato a uscire con i miei compagni di classe il sabato sera, a andare al cinema o fare shopping con le mie amiche,insomma a comportarmi da ragazza normale ma non è servito, dentro di me io sto sempre male.Ho bisogno di tempo per creare dei legami e nessuno sembra disposto a aspettarmi.Per questa mia situazione non ho mai avuto contatti con l'altro sesso, mai baciato, sono vergine, nessuno ci ha mai provato con me o ha voluto conoscermi. Invece, le persone che si sono divertite a rovinarmi la vita e in generale i giovani intorno a me stanno bene, hanno amici e una vita sentimentale. Io a 11 anni mi sono innamorata di un ragazzo bellissimo, di quelli che pensano solo alla bellezza e al sesso, e ho continuato ad amarlo con la stessa forza per anni, anzi, certe volte credo di amarlo ancora, e lui non è mai stato neanche mio amico: un conoscente. Non sono mai stata così stupida da illudermi che lui potesse amarmi, ma era felice e a me questo bastava. A 13 anni avevo capito che amare significa volere la felicità di chi si ama, dipenda o no da noi, e magari lui non lo ha mai notato ma nei sui momenti difficili c'ero sempre. Ma non sono mai stata abbastanza bella per lui, non abbastanza popolare..perché, semplicemente, non sono NESSUNO.Ci sono così tante cose che ho da dare, da dire..e invece sono qui e aspetto che sia finita, come una malata terminale..non vedo vie d'uscita, la società sembra che non sia disposta ad accogliere una DIVERSA come me, e io mi se...

1 commento:

Vova ha detto...

Capisco i tuoi problemi, anchio mi comportavo cosi, ogni giorno miglioro...e solo una questione di tempo. Prova ad uscire di più...se vuoi - contattami...